Brucia-Grassi Tornare in Forma si Può!

Home / Brucia-Grassi Tornare in Forma si Può!
Brucia-Grassi Tornare in Forma si Può!

Prima di parlare di cibi e sostanze cosiddette brucia-grassi è importante precisare cosa è il grasso e perchè il nostro corpo lo accumula quando seguiamo un regime nutriente non adeguato.
Iniziamo col dire che il grasso è fondamentale per la normale funzione del corpo, e senza di essa non potremmo vivere. Non solo il grasso ci rifornisce di energia, ma rende anche possibile che altri nutrienti svolgano il loro lavoro.
I grassi, composti da un ampio gruppo di composti, sono solitamente solubili in solventi organici e insolubili in acqua.

Quali sono i grassi?

Oli – vengono così definiti i grassi che si presentano in forma liquida a temperatura ambiente.
Gli oli sono anche sostanze che non si mescolano con l’acqua (non miscibili) e hanno un aspetto denso.
Grassi animali – burro, strutto, panna, grasso in (e su) carni.
Grassi vegetali – olio d’oliva, olio di arachidi, olio di semi di lino, olio di mais, per esempio.
Grassi o acidi grassi – questo termine si riferisce a tutti i tipi di grasso.
Tuttavia, i grassi sono comunemente indicati come quelli che sono solidi a temperatura ambiente.
Lipidi: tutti i tipi di grassi, indipendentemente dal fatto che siano liquidi o solidi.
I lipidi sono una parte importante della dieta di tutti gli esseri umani e molti tipi di animali.

Come vengono suddivisi i grassi?

Grassi saturi
I grassi saturi sono solidi a temperatura ambiente e talvolta sono chiamati grassi solidi.
Sono totalmente saturati, nel senso che ogni molecola di grasso è coperta da atomi di idrogeno.
I grassi saturi aumentano i rischi per la salute se una persona ne consuma troppi per un lungo periodo di tempo.
Un grande apporto di grassi saturi può eventualmente aumentare i livelli di colesterolo, il che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e ictus.

Grassi insaturi
I grassi insaturi, che includono grassi monoinsaturi e polinsaturi, sono liquidi a temperatura ambiente.
Sono per lo più derivati ​​da oli vegetali e vengono spesso appellati come grassi “buoni” :

Grassi monoinsaturi
Le molecole di grassi monoinsaturi non sono saturate dagli atomi di idrogeno: ogni molecola di grasso ha solo lo spazio per un atomo di idrogeno.
I grassi monoinsaturi possono abbassare il colesterolo LDL (lipoproteina a bassa densità – cattivo) e mantenere il colesterolo HDL (lipoproteina ad alta densità – buono) a livelli più alti.
Tuttavia, a meno che l’assunzione di grassi saturi non sia ridotta, i livelli di colesterolo possono rimanere invariati.
Molti medici, tuttavia, affermano che questi grassi potrebbero comunque ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiache. Ad esempio, la dieta mediterranea, una dieta ben studiata e che riduce le malattie croniche, è ricca di grassi monoinsaturi.

Grassi polinsaturi
Nei grassi polinsaturi, le molecole non sono sature di atomi di idrogeno.
I nutrizionisti concordano che i grassi polinsaturi sono buoni per la nostra salute, specialmente quelli dei pesci, noti come acidi grassi polinsaturi (i famosi omega-3).
Gli acidi grassi omega-3 proteggono dalle malattie cardiache abbassando i livelli di colesterolo nel sangue e possibilmente l’infiammazione.
Questi ultimi possono anche aiutare a ridurre i sintomi riscontrati da persone che soffrono di artrite, problemi alle articolazioni in generale e alcune malattie della pelle.
Questi si trovano principalmente in oli vegetali e alimenti trasformati. Un consumo eccessivo di omega-6 (altro tipo di grasso polinsaturo), che è molto comune nella dieta americana standard, può portare ad un aumento dell’infiammazione.

Dove si trova il grasso saturo?

I grassi saturi si trovano nella carne, un esempio di carne che ne contiene molti è la pancetta.
I più alti livelli di grassi saturi si trovano nella carne (mammiferi), nei prodotti a base di carne, nella pelle di pollame, prodotti caseari, molti alimenti cosiddetti “trasformati”, come torte, biscotti, pasticcini e patatine fritte, così come olio di cocco, olio di palma, e burro di cacao.
Una dieta sana include meno del 10% delle sue calorie da grassi saturi.
Molto importante da sottolineare è che la ricerca dimostra che non è mai consigliabile sostituire l’assunzione di grassi saturi con carboidrati raffinati o zucchero, poiché questo peggiora la salute.

Dove si trovano i grassi monoinsaturi?

I grassi monoinsaturi si trovano nelle olive e nell’olio d’oliva.
Olive, olio d’oliva, noci, burro d’arachidi e avocado.

Dove si trovano i grassi polinsaturi?

I grassi polinsaturi si trovano nei pesci grassi, comprese le sardine, qui raffigurati.
Pesci oleosi (sardine, sgombri, trote, salmoni e aringhe), cartamo, vinaccioli, cartamo, soia e olio di girasole. Noci, semi e uova pasturate possono anche contenere acidi grassi omega-3.

Quali sono i cibi considerati Fat-Burner?

Iniziamo sottolineando che non esistono cibi magici in grado di “bruciare” o consentirti di smaltire in modo del tutto automatico il grasso corporeo accumulato in mesi o anni di stravizi alimentari, la perdita di grasso si verifica solo quando si bruciano più calorie di quelle che si ingeriscono ovvero quando si entra nel famoso “deficit calorico”, portando il corpo a consumare le riserve di lipidi per ottenere energia.
Tutto ciò, però, non pregiudica l’esistenza di cibi che favoriscono o comunque possono aiutarci a bruciare più rapidamente ed efficacemente i grassi accumulati rispetto ad altri.
Ciò che vogliamo esporre in questo articolo sono quindi dei cibi che si consigliano di affiancare ad un regime di corretta alimentazione e a della attività fisica costante così da massimizzare i risultati.

1. Pepe di Cayenna

Gli scienziati hanno appurato una correlazione tra il peperoncino e la perdita di grasso, secondo uno studio dell’American Journal of Clinical Nutrition infatti, il consumo giornaliero di uno dei composti presenti nel pepe (capsaicina) accelera la perdita di grasso nell’addome aumentando la capacità del corpo di convertire il cibo in energia.
Secondo uno studio di ricercatori canadesi questo alimento agisce anche come soppressore dell’appetito naturale: si è infatti osservato che gli uomini che mangiavano cibi speziati consumavano in media 200 calorie in meno nei pasti  rispetto agli uomini che non lo facevano.
Risulta quindi consigliato usare un pizzico di pepe di Cayenna per condire pesce grigliato, carne e uova.

2. Guacamole

L’avocado non solo è ricco di vitamina B6, che contrasta direttamente l’ormone dello stress a base di grasso addominale, il cortisolo: è anche pieno di grassi monoinsaturi.
Questi grassi, come detto precedentemente, possono effettivamente prevenire la distribuzione del grasso corporeo intorno alla pancia, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Diabetes Care.
L’avocado inoltre inibisce il senso di fame, risultando quindi, molto indicato per quelle persone che sono colti spesso da attacchi di fame nervosa.

3. Rhodiola Rosea

Questa pianta cresce ad un’altitudine compresa tra 11.000 e 18.000 piedi sopra il livello del mare, i suoi fiori gialli hanno un odore simile a quello delle rose e da qui il nome “rosea”.
Questa pianta, che cresce in luoghi inospitali, sviluppa composti naturali che possiedono proprietà che aumentano l’energia cellulare che le facilita la capacità di sopravvivere.
La Rhodiola è una straordinaria pianta medicinale ed è oggi oggetto di studi approfonditi sulle sue proprietà.

La rhodiola non ha mostrato effetti tossici o effetti collaterali negativi anche a dosi elevate, tuttavia, ha dimostrato che aumenta la resistenza del corpo a varie malattie, abbassa la percezione della sensazione di stress e riduce la depressione emotiva.
In questo articolo tratteremo principalmente gli effetti della rodiola rosea che riguardano l’obesità e la depressione.
Molti psichiatri americani hanno iniziato ad usare estratti di rhodiola rosea per curare i loro pazienti affetti da depressione per alleviarne gli effetti, come abbiamo già detto infatti la rhodiola aiuta le persone a perdere peso controllando gli stati di grave stress.
Per ciò che concerne la diminuzione di peso, la Rhodiola ha la capacità di attivare l’enzima lipasi che è l’enzima che il corpo ha bisogno di scomporre i grassi accumulati, il consumo di estratti di rhodiola aumenta l’eliminazione dei grassi del 9% anche senza esercizio fisico. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che quando l’uso di rhodiola è stato combinato con un regime di esercizio moderato, l’eliminazione dei grassi è stata aumentata di un incredibile 72%.

4. Salmone Selvaggio

Individui con una maggiore quantità di muscoli, quindi con una struttura muscolare sviluppata, necessitano di maggiore energia per vivere, ciò comporta che il modo migliore di bruciare i grassi consiste proprio nell’aumentare la propria massa muscolare, costringendo così il nostro corpo a bruciare più calorie durante la giornata.
Come tutti sanno, di fondamentale importanza per aumentare la propria massa muscolare è l’assunzione di un gran quantitativo di proteine all’interno della nostra dieta.
Il pesce è una delle fonti più salutari di proteine ​​magre, e come abbiamo già detto il pesce è anche una ricca fonte di acidi grassi omega-3 molto importanti per il nostro stato di benessere complessivo.
Ma non è tutto: Ottenere abbastanza proteine ​​e grassi sani aiuta anche a ridurre gli attacchi di fame e ha dimostrato aiutare anche a mantenere il peso più a lungo.

5. Caffè Verde

I chicchi di caffè verde sono fondamentalmente solo chicchi di caffè non torrefatti (che risultano per l’appunto di colore verde, è la torrefazione a conferire al chicco di caffè il classico colore marrone).
I chicchi di caffè sono naturalmente verdi, ma vengono solitamente tostati prima di essere venduti al consumatore.
Come noto i chicchi di caffè sono carichi di antiossidanti e di altri composti farmacologicamente attivi, due dei più importanti sono la caffeina e l’acido clorogenico.
Si ritiene che quest’ultimo sia il principale ingrediente attivo nei chicchi di caffè verde, questi sono le sostanze che producono gli effetti di perdita di peso di cui viene accreditata questa sostanza.
Va sottolineato come gran parte dell’acido clorogenico inizialmente presente nei chicchi di caffè appena raccolti si disperda in seguito alla torrefazione, è proprio questo il motivo per cui i normali chicchi di caffè non hanno lo stesso effetto dei chicchi di caffè verde.
Alcuni studi sull’uomo suggeriscono che l’acido clorogenico può ridurre l’assorbimento di carboidrati dal tratto digestivo, che abbassa gli zuccheri nel sangue e le punte di insulina oltre a ridurre il peso corpore e il grasos assorbito dalla dieta.
Diversi test di laboratorio hanno dimostrato una riduzione nei livelli di colesterolo e trigliceridi nei soggetti trattati con integratori a base di caffè verde.

6. Garcinia Cambogia

La Garcinia Cambogia è un frutto a forma di zucca, di colore giallo o verdastro.
Il frutto è molto acido infatti in genere non viene consumato fresco, ma viene utilizzato proprio per il suo sapore aspro in cucina.
Gli integratori a base di Garcinia cambogia sono fatti da estratti della buccia del frutto.
La buccia del frutto contiene elevate quantità di acido idrossicitrico (HCA), un principio attivo che è stato dimostrato avere alcune proprietà che favoriscono la perdita di peso.
I supplementi contengono generalmente il 20-60% di HCA, tuttavia, gli studi dimostrano che quelli con HCA del 50-60% possono fornire il massimo beneficio.

In che modo la Garcinia aiuta con la perdita di peso?
Ci sono due motivi principali per cui si pensa che la garcinia cambogia aiuti la perdita di peso:

1. Può ridurre il tuo appetito
Studi sui ratti hanno dimostrato che quelli trattati con integratori a base di garcinia cambogia tendono a mangiare meno.
Allo stesso modo, alcuni studi sull’uomo hanno dimostrato che la garcinia cambogia è in grado di ridurre l’appetito e farti sentire sazio più a lungo.
Gli integratori a base di garcinia cambogia sembrerebbero aumentare i livelli di serotonina (una triptammina presente nel plasma e nel sistema nervoso centrale).
Dal punto di vista teorico, poiché la serotonina è un soppressore dell’appetito noto, livelli ematici più alti di serotonina potrebbero ridurre l’appetito.
Tuttavia, questi risultati devono essere presi con le pinze, va infatti considerato che  altri studi non hanno rilevato differenze nell’appetito tra i gruppi che assumono questo integratore e quelli che assumono un placebo pertanto i risultati scientifici risultano ancora dubbi.

2. Può bloccare la produzione di grassi e ridurre il grasso della pancia

L’attività più importante della garcinia cambogia è probabilmente quella svolta sui grassi nel sangue e sulla produzione di nuovi acidi grassi.
Studi condotti su esseri umani e animali hanno dimostrato che essa può abbassare alti livelli di grasso nel sangue e ridurre lo stress ossidativo nel corpo.
Un’ulteriore studio suggerirebbe anche che potrebbe essere particolarmente efficace nel ridurre l’accumulo di grasso della pancia nelle persone sovrappeso riducendo di conseguenza i fattori di rischio causati dal sovrappeso.

7. Cioccolato Fondente

Perdere peso non significa rinunciare a tutti i piaceri e i vizietti della tavola, il cioccolato fondente è un esempio di questo.
Uno studio presso la Louisiana State University ha scoperto che i microbi intestinali nel nostro stomaco fermentano il cioccolato e aumentano la produzione di composti polifenolici intestinali, compreso il butirrato, un acido grasso che incoraggia il corpo a bruciare i grassi come combustibile e spegne i geni legati all’infiammazione(è consigliabile aggiungere frutta al cioccolato per aumentare la fermentazione e il rilascio dei composti).
Assicurati di assumere cioccolato con un contenuto di cacao del 70% o superiore – questo ha più alte concentrazioni di polifenoli antiossidanti.

8. Farina d’Avena

I carboidrati non sono il nemico della buona salute e di un corpo asciutto e tonico.
Secondo uno studio della Tufts University infatti le persone che mangiavano tre o più porzioni giornaliere di cereali integrali (come l’avena) avevano in media il 10% in meno di grasso della pancia rispetto a chi mangiava la stessa quantità di carboidrati bianchi trasformati (pane, riso, pasta).
È stato teorizzato che ciò sia dovuto all’alto contenuto di fibre e al lento assorbimento dei cereali integrali, che ci mantengono sazi più a lungo.

Dopo questa panoramica sugli alimenti brucia-grassi più famosi e più efficaci vi sarà più chiaro comprendere perchè il nostro V-UP BruciaGrassi è un integratore così eccezionale.
V-UP contiene:
– Garcinia Cabogia
– Caffè Verde (Arabico)
– Rhodiola
– Griffonia (agisce sui livelli di serotonina)
– Zinco Gluconato e Cromo Picolinato (utili per stimolare il metabolismo controllando al contempo il senso di fame)

Questo integratore contiene tutto ciò che è necessario a controllare la fame nervosa e a migliorare l’assunzione, e il successivo smaltimento, dei grassi presenti nel vostro corpo!
V-UP possiede importanti proprietà bruciagrassi e svolge egregiamente il ruolo di soppressore della fame nervosa proprio grazie ai suoi ingredienti.
Con questo integratore potrete aiutare il vostro corpo a sbarazzarsi dei chili di troppo! Vi ricordiamo di abbinare V-UP ad una alimentazione equilibrata e ad esercizio fisico costante per massimizzare i risultati dovuti all’assunzione.

Translate»